AGGIORNAMENTI MyLand MTB NON STOP

Il ricordo di un’avventura, complimenti Oscar!!

*

*

Le impressioni dei protagonisti a manifestazione conclusa:

 

OSCAR: La prima impressione è che non ci si può preparare bene per una MyLand. Le difficoltà sono tante e si presentano all’improvviso senza preavviso. Ho sicuramente sbagliato il carico sulla bici, troppo pesante per affrontare le rampe ripidissime e non necessario grazie ai CP forniti di acqua e cibo. Ho trovato indispensabile avere almeno un compagno di viaggio ed ammiro tantissimo quelli che l’hanno fatta in solitaria.
Credo di aver azzeccato la tattica di non spingere mai al 100% così facendo ho conservato la lucidità mentale di non commettere errori (tipo dimenticare qualcosa ai CP).

GIGI: “X me una bellissima esperienza!!! La ripeterò sicuramente l’organizzazione e i Cp fantastici anche troppo !!! Metà del peso che avevo sarebbe rimasto a casa !!!  Le cose negative? Chissà ? sono individuali !!la 220 e non voglio pensare la 400 non è  un viaggio non è un escursione sembra più  una missione di guerra !!!! Durissima non consiglio a chi si vuole svagare xche non è x tutti !!!!  Cazzola di forcellino

😂😂😂! !!

ANGELO: Devo dire di aver sottovalutato un pò la MyLand,pensavo di poter passeggiare tranquillamente nelle colline della Marmilla rifocillandomi tra un agriturismo e dormendo in qualche B&B, ma sbagliavo.. dall’inizio il percorso si è rivelato duro e impegnativo, non nascondo che pedalando di notte,con il freddo da non sentire più mani e piedi, mi chiedevo che cazzo ci facevo li a seguire la traccia di un GPS che molte volte ci ha fatto passare dove non passano manco gli animali, e non sto scherzando eh !! abbiamo saltato muretti a secco, ci siamo infilati in mezzo ai cespugli, e altri percorsi che non sto a elencare.. però il secondo gg ci stavo prendendo gusto, e una dopo l’altra abbiamo scalato le punte più alte..insomma dopo 150 km e 4000 mt di dislivello mollare l’osso quando ce l’hai tra i denti lascia un pò l’amaro in bocca, però che dire.. devo ammettere che è stata una bella esperienza, e non è escluso che mi venga voglia di fare altri Trail. L’organizzazione buona.. c’era da mangiare in tutti i CP e quando ci è servito supporto nessun problema..purtroppo gli imprevisti che abbiamo avuto non sono pochi.. Gigi rompe la catena dopo pochi km dalla partenza, Efisio si doveva fermare ogni tanto a gonfiare e in piena notte rompe anche lui la catena e aveva il pacco pignoni che sbandava di qualche cm, poi quando Gigi rompe il forcellino ci siamo ritirati.

Sono d’accordo sul punto che in solitaria è veramente per pochi. Ho avuto la tentazione di provare a finirla, ma la sensazione di non conoscere abbastanza le mie potenzialità e non avere l’appoggio di un compagno di viaggio del nostro gruppo mi ha fatto, mio malgrado desistere.. ma sa cosa me abarrada arrexia

GRAZIANO: Partenza subito dura per portarci in quota e al primo errore con il Gps io e Efisio perdiamo il contatto con Gigi e Angelo fortunatamente ci aggreghiamo a Ottavio Sarais  di S. Vero Milis che ci fa compagnia fino al primo CP con la ruota di Efisio che perde di continuo pressione.
Spingere la mtb per tutte quelle salite è da matti.
Fino ad Asuni un calvario.
Maledizioni ,freddo,single a piedi, guadi, c’era di tutto!!!
Abbiamo dormito si e no 2 ore e scoraggiati dalle 15 ore in sella abbiamo pensato  di mollare.
Ripartiamo alle 10:30 per vedere come reagiva il fisico e tutto sommato si stava pedalando bene.
L’obbiettivo era Baradili e dormire lì per poi affrontare gli ultimi 40/50 km lunedì mattina
Purtroppo dopo Laconi il crack!!!
Sicuramente da rifare (con più allenamento)
Organizzazione perfetta con i CP con tanta roba da mangiare e tutti i volontari gentilissimi.
Un grazie a miei compagni di viaggio che hanno creduto come me di portare a termine questa avventura
Forza Oscar (una roccia)!!!!

EFISIO: Un esperienza da non dimenticare !! Una vera lezione di vita per chi pecca di presunzione ho capito quanto è importante supportarci a vicenda quando ci si trova in difficoltà….in quelle poche decine di ore ne abbiamo veramente vissute tante ….tra guasti Meccanici e difficoltà a seguire la traccia…comunque alla fine direi che è andata bene….Ringrazio a Graziano, Giggi e Angelo sono stati dei veri compagni di avventura.

*

*

Giorno 4

L’elenco completo dei Mylander 400 km. Confermiamo l’ottimo piazzamento per Oscar!

Nome e cognome Ora di arrivo Tempo impiegato
Maurizio Doro  10.39  42h39’
Marco Sau  11.01  43h01’
Francesco Strizoli  11.01  43h01’
Daniele Modolo  11.14  43h14’
Antonio Marino  12.18  44h18′
Paolo Massenti  18.18  50h18′
Alessandro Uccheddu  19.29  51h31′
Maurizio Oscar Aramu  20.03  52h03′
Piero  Manca  20.50  52h50′
Giorgio Spiga  00.24  56h24′
Marco Venezia  00.24  56h24′
Mauro Abis  00.24  56h24′
Manrico Sanna  00.24  56h24′
Riccardo Solinas  9.24  65h24′
Federico Sanna  9.24  65h24′
Egidio Ricciardi  9.24  65h24′
Giovanni Canalis  9.24  65h24′
Monica Angioni  10.44  66h44′
Daniele Marras  10.44  66h44′
Roberto Fanni  10.44  66h44′
Paolo Murgia  10.44  66h44′

*

*

Giorno 3


H. 20.03 – OSCAR ha concluso la sua Myland!! Complimenti per la determinazione!!

Tempo di percorrenza: 52h 03′, 

Km percorsi: 401, 

dislivello: 10.000 metri.

*

*

H. 19.41 – Nessuna notizia di Oscar… alle 18.18 i seguenti partecipanti risultano aver concluso la 400 km:

ELENCO FINALE ARRIVI

Nome e cognome Ora di arrivo Tempo impiegato
Maurizio Doro 10.39 42h39’
 Marco Sau  11.01  43h01’
Francesco Strizoli  11.01 43h01’
Daniele Modolo  11.14  43h14’
 Antonio Marino  12.18  44h18′
 Paolo Massenti  18.18  50h18′

*

*

 

H. 14.15 – E mentre attendiamo notizie da Oscar guardando la cronaca della 400 km sul sito della Myland scopriamo che 4 persone hanno terminato il percorso e sono:

Nome e cognome Ora di arrivo Tempo impiegato
Maurizio Doro 10.39 42h39’
Marco Sau  11.01  43h01’
Francesco Strizoli  11.01 43h01’
Daniele Modolo  11.14  43h14’

*

*

H. 10.09 – Oscar ha raggiunto Villanovaforru. 309 Km percorsi. Piccolo inconveniente al piede ma nulla che possa fermare la marcia di Oscar!! Continua così Oscar!!

 

*

*

H. 8.30 – Nessun aggiornamento da parte di Oscar, starà pedalando o semplicemente avrà il cellulare scarico?

Le cronache generali della Myland parlano di Maurizio Doro al comando, che alle 7.17 del mattino ha abbandonato il CP di Baradili (a 41 Km dall’arrivo) seguito da Daniele Modolo che invece è ripartito dal CP alle 8,05.

Sono 8 i ritirati della Myland 400 km su 39 iscritti e 30 alla partenza.

Per la cronaca generale della Myland clicca qui

*

*

*

Giorno 2


H. 23.04 – Questi i CP previsti nella Myland 2017

*

*

H. 19,05 – Oscar (Maurizio) Aramu è al CP di Nolza a Meana Sardo ed è in 8° posizione. Ha percorso 223 Km.

 

*

*

H. 19,00 – I Pul.Sar.-Mylander 220 km si ritirano dai giochi. Gli imprevisti meccanici hanno rallentato fino a fermare la corsa dei 4. Gigi è rientrato in single speed fino a Nuragus.  Bravi ragazzi complimenti per la vostra tenacia!! 

Sono 24 sino ad ora gli atleti ritirati dalla 220 km.

*

*

H. 18,16 – Gigi rompe il forcellino. Giro terminato per lui? 

*

*

H. 17,12 – Oscar raggiunge il CP di Asuni a 200 km con 4700 metri di dislivello. E’ tra i primi 10! Myland molto molto tecnica.

*

*

H. 16,41 – Graziano ci manda questa foto dal valico Ortuabis a 830 di quota. 120 km percorsi. Non sembrano nemmeno stanchi!!

*

*

H. 14,20 – Gigi, Angelo, Graziano ed Efisio raggiungono il CP di Nolza. Fino ad ora hanno percorso 113 km e 3500 metri di dislivello.

Nelle foto in alto il Chek Point di Nolza

*

*

H. 13,12  –  I Myland-Pul.Sar. 220 km hanno raggiunto e superato i 3.000 metri di dislivello.

*

*

H. 10,43  – Oscar conquista il Grighie: 160 Km percorsi. Alla stessa ora il primo dei 400 Km, Maurizio Doro è giunto al CP di Nolza percorrendo 223 km.

*

*

H. 10,24  – I Mylander-Pul.sar. 220 Km raggiungono il C.P. di Asuni.
Gigi ci riferisce: “C.p ad Asuni 90 km spinto la bici x almeno 5 km passaggi di mulattiere e salto di reticelle cancelli muretti a secco tratti in mezzo a cespugli nel vero senso della parola. Freddo a manetta, Efisio ha sistemato il pacco pignoni. Stiamo ripartendo vedremo come saranno  gli altri!!! Ci sono un casino di ritirati !!! Rispetto alle altre edizioni tutti sostengono che è durissimo!!!”

*

*

H. 08,30 – Il gruppo della 220 km dopo una breve sosta al CP di Roja Menta ieri sera ha ripreso a pedalare fino alle 6,00 del mattino. Pausa di due ore e poi di nuovo in marcia. Ai problemi meccanici di Gigi si sono aggiunti quelli di Efisio.

*

*

H. 05,17 – Oscar ha raggiunto il CP di Roja Menta percorrendo 120 km. Manca ancora molto ma l’andatura è ottima.

*

*

H. 00.27 – Oscar ha raggiunto il CP di Pira Inferiore percorrendo 100 km

*

*

*

Giorno 1


H. 22.13 – Graziano ed Efisio hanno raggiunto il Cp. Ora un po’ di riposo.

*

*

H. 21.45 – Graziano ed Efisio non hanno ancora raggiunto il  CP di Roja Menta.

*

*

H. 21.09 – Angelo e Gigi dopo 45 km sofferti per la durezza del percorso e problemi tecnici (Gigi ha rotto la catena e il cambio non risponde correttamente ai comandi) hanno raggiunto il CP di Roja Menta.

*

*

H. 20.28 – Oscar raggiunge dopo 48 km e 4 ore e 30 di pedalata il CP di Marrubiu.

*

*

H. 16.00 – partenza della 400 km. Oscar Aramu inizia l’avventura!

*

*

H. 15.00 – partenza della 220 km

Efisio, Graziano, Gigi e Angelo sono pronti all’avventura!

*

*